Calciomercato Milan, tutto da rifare per Fassone e Mirabelli?

calciomercato milan

Quattro vittorie, poche, e quattro sconfitte, tante e troppe per il Milan di Vincenzo Montella. Dopo otto turni di campionato, mentre chi ama puntare sul calcio di questi tempi è a caccia di Bonus Scommesse con i migliori bookmakers, il bilancio per i rossoneri è alquanto deficitario.

La campagna acquisti estiva, a dir poco faraonica con ben 11 nuovi arrivi, di Marco Fassone e di Massimiliano Mirabelli, aveva illuso non solo tutta la tifoseria rossonera, ma anche tanti addetti ai lavori con molti di questi, peraltro, pronti a mettere la mano sul fuoco sul fatto che il Milan potesse finalmente in questa stagione tornare a lottare per lo scudetto.

Dopo la sconfitta per 3 a 2 nel derby, la società rossonera ha confermato la fiducia al mister Vincenzo Montella che, nonostante la sconfitta, si è detto soddisfatto della prestazione della squadra specie nel secondo tempo, ma è chiaro che ora in campionato servirà un filotto di risultati positivi per non andare poi a disputare un torneo da metà classifica che con ogni probabilità andrebbe a sconvolgere i piani per la prossima stagione.

Chiudere la Serie A 2017-2018 nei primi quattro posti, infatti, per il Milan rappresenta un imperativo categorico in quanto solo il ritorno in Champions League giustificherebbe gli investimenti milionari della scorsa estate, ma andrebbe ad evitare anche qualche cessione eccellente.

Ufficialmente il mister Vincenzo Montella non rischia il posto, ma in via ufficiosa sul web emergono indiscrezioni in base alle quali l’allenatore potrebbe essere sollevato dall’incarico nel caso in cui non dovesse vincere contro l’AEK, nel prossimo impegno nella fase a gironi di Europa League, e poi sempre in casa contro il Genoa nel nono turno di andata del campionato di calcio 2017-2018 di Serie A.

In caso di mancato piazzamento in campionato nei primi quattro posti, il Milan potrebbe comunque andare in Champions vincendo l’Europa League 2017-2018 anche se non sarà facile specie se non saranno risolti i problemi in difesa.

E’ vero, tornando al derby Inter-Milan, che Mauro Icardi, autore di una tripletta, è un attaccante formidabile, ma è chiaro che ad oggi Leonardo Bonucci per rendimento non è quello visto alla Juve a formare la cosiddetta BBC con Giorgio Chiellini ed Andrea Barzagli, così come gli altri uomini della difesa spesso commettono degli errori di posizione e delle ingenuità che poi vengono pagate puntualmente a caro prezzo.