Cosa vedere in Alto Adige in estate

Cosa vedere in Alto Adige in estate

Indubbiamente la montagna è una delle soluzioni ideali per chi cerca una vacanza estiva da sogno. Ecco qualche consiglio su tutto ciò che si può ammirare in questa splendida zona dell’Italia che attira ogni anno un numero elevatissimo di persone da tutto il mondo.

Val di Non e i suoi castelli

Quando si parla della bellezza del Trentino Alto Adige nel periodo estivo, non si può fare a meno di citare la Val di Non. Si tratta della zona più suggestiva dell’Alto Adige dove poter scorgere una lunga serie di castelli bellissimi. Castel Coredo e Castel Bragher sono i più famosi, anche se ci sono anche Castel Valer, Castel Thun e Castel Nanno che regalano paesaggi incredibile e che non bisogna perdersi.

I rifugi sulle Dolomiti

Non ci si può perdere una delle esperienze più belle ed emozionanti per qualsiasi turista, come i rifugi presenti sulle Dolomiti. Si può parlare, ad esempio, del famosissimo Tuckett, fino ad arrivare al Peller, Dorigoni e Vioz, uno dei più impervi e complessi da raggiungere. In ogni caso, è fondamentale ricordare a chi voglia lanciarsi verso una tappa del genere che bisogna essere sempre prudenti e affrontare qualsiasi itinerario attenendosi al percorso stabilito da personale esperto. Oltre a considerare la forma fisica e le condizioni meteo, altri elementi che non bisogna certo sottovalutare.

Santuario di San Romedio

Uno dei luoghi più speciali e particolari che si possano ammirare in Alto Adige nel corso della stagione estiva è sicuramente l’eremo di San Romedio. Questo è diventato un’icona per gli abitanti della Val di Non e attira ogni anno tantissimi turisti. Passeggiando verso questo santuario si ha modo di immergersi nel clima tipico della natura di queste zone e farsi prendere da qualche attimo di piacevole meditazione. Una volta giunti a destinazione, non si può che rimanere a bocca aperta per via della costruzione imponente che si trova nel bel mezzo della natura. La sua caratteristica particolare è quella di essere stata interamente costruita nella roccia molti secoli fa. Se vi trovate nel Sud Tyrol consiglio di dare un’occhiata a questa lista dei laghi vicino a Bolzano.

Un tour dei laghi

Vale la pena considerare che i laghi presenti in Trentino Alto Adige sono davvero splendidi e sono un posto favoloso dove poter scoprire la bellezza di questi luoghi. La natura la fa da padrona assoluta e qui ci si può godere una vista letteralmente unica. Tra i laghi principali, non si può non parlare di quello di Anterselva, con acque dolci e abbastanza fredde, così come il lago di Braies, quello di Caldaro e di Carezza. Alcuni di questi sono anche balneabili e si ha la possibilità di praticare sport acquatici così da divertirsi in compagnia, sia tra amici che in famiglia. Appare perciò evidente il motivo per cui sempre più persone optano per una vacanza in Alto Adige durante la stagione estiva.

La funicolare della Mendola

Altra tappa obbligata per chi si trova in Alto Adige per una vacanza estiva è la funicolare della Mendola. Si tratta della più antica d’Europa, un vero e proprio simbolo per questa zona. Conviene approfittare di questo servizio in estate in quanto si possono vedere i colori più belli della montagna e si può godere di un clima particolarmente gradevole. Fu inaugurata nel 1903, e precisamente effettua il percorso che va da Sant’Antonio di Caldaro alla vetta del passo della Mendola. La vista che si può ammirare quando si giunge a destinazione lascerà senza fiato. Il dislivello coperto da questa funicolare è di ben 854 metri, percorsi in appena 12 minuti.

I musei presenti in Alto Adige

Gli amanti della cultura non potranno non provare interesse nei confronti dei musei presenti in Alto Adige. Si può parlare del MUSE (Museo delle Scienze a Trento) e anche del MART (Museo di Arte Contemporanea a Rovereto) che permettono di scoprire la cultura del posto. Oltre a dover considerare anche il Museo Retico di Sanzeno e il Museo degli Usi e dei Costumi. Fino a dover considerare il Museo delle Palafitte di Fiavè e lo Spazio Archeologico del Tridentum Sass (Trento sotterranea).

Carol

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.